fbpx

Il documento sarà consegnato al Congresso il 25 giugno, ma il New York Time ne ha pubblicato piccole indiscrezioni, che non escludono la presenza reale degli extraterrestri
«Di sicuro non è tecnologia americana». È un'anticipazione sul rapporto sugli oggetti volanti non identificati (Ufo) o Unidentified Aerial Phenomena (Uap) che l'Intelligence americana dovrebbe consegnare al Congresso Usa il 25 giugno. A pubblicarla il New York Times.
Allora siamo vicini alla "grande rivelazione"? Pare che le cose non siano proprio così... Secondo il rapporto "non c'è alcuna prova" che i fenomeni aerei che hanno per testimoni personale militare aereo e marittimo siano riconducibili a "astronavi aliene", ma "non è possibile escluderlo".
Potrebbe trattarsi, secondo le indiscrezioni sul contenuto del rapporto, di tecnologia russa o cinese. Secondo l'Intelligence Usa infatti questi Paesi possiedono tecnologia per la velocità ipersonica, come è possibile rilevare in 120 incidenti da loro registrati.
Ma non bisogna dimenticare che, secondo le dichiarazioni rilasciate dall'ex presidente Obama: "Ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli che non sappiamo esattamente cosa siano". Sarà probabilmente un altro - lento - passo verso la rivelazione che non siamo soli. Ma l'uomo moderno arriva tardi: in realtà testimonianze concrete di fenomeni extraterrestri ci sono fin dai tempi più remoti. Il serissimo Plinio il vecchio nel suo Naturalis Historia, secondo libro, scrive "Strepito d’armi e suoni di tromba uditi dal cielo durante le guerre cimbriche (101 a. C.) ci è stato riferito, spesse volte sia prima che dopo. Inoltre nel terzo consolato di Mario (103 a. C.) dagli amerini e dai tudertini furono viste armi celesti (che provenivano) da oriente e da occidente e che tra di loro si scontravano, ed erano respinte quelle che erano (giunte) da occidente. Non c’è nessuna meraviglia nel vedere fiamme nello stesso cielo e spesso si sono viste nubi prese da un fuoco più grande".ufo radar
Giuseppe Flavio, invece, nelle sue "Guerre Giudaiche" scrive: "Prima che il sole tramontasse, si videro in cielo su tutta la regione dei carri da guerra e schiere di armati che sbucavano dalle nuvole e circondavano la città. Inoltre, alla festa che si chiama la Pentecoste, i sacerdoti che erano entrati di notte nel tempio interno (di Gerusalemme) per celebrarvi i soliti riti riferirono di aver prima sentito una scossa e un colpo, e poi un insieme di voci che dicevano: da questo luogo noi ce ne andiamo". Si trattava degli Elhoim di cui parla la Bibbia. Episodio riportato anche da Tacito nel libro V delle sue "Historiae".
A tutti è noto il contenuto di Ezechiele 3: "Allora uno spirito mi sollevò e dietro a me udii un grande fragore: «Benedetta la gloria del Signore dal luogo della sua dimora!». Era il rumore delle ali degli esseri viventi che le battevano l'una contro l'altra e contemporaneamente il rumore delle ruote e il rumore di un grande frastuono". Che la gloria del signore si sollevi con gran fragore da terra fa gridare da secoli agli Ufo. E gli esempi sono ancora decine e decine...