fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Con l’inaspettata vittoria sul campo del Troina, i molossi hanno riaperto il girone I della Serie D e concluso al meglio una prima parte di stagione abbastanza soddisfacente

di Domenico Pessolano

generiche 0108Emozioni, delusioni, scetticismo, voglia di lottare. Sono queste le componenti principali che hanno caratterizzato il girone d’andata della Nocerina che, grazie all’inaspettata vittoria sul campo della capolista Troina, si è chiuso nel migliore dei modi.

Soprattutto se si pensa che proprio con questi tre punti, i rossoneri hanno riaperto i giochi del campionato, riducendo a sette lunghezze il distacco dalla squadra siciliana. Ma, del resto, la partita di domenica ha fatto registrare solo uno dei tanti colpi di scena che ha contraddistinto il cammino dei rossoneri in una prima parte di stagione abbastanza soddisfacente. Considerando l’ancora ampia distanza dal Troina, alcuni tifosi la definirebbero in maniera quasi del tutto opposta ma, se si guarda al rendimento stratosferico della capolista, la Nocerina non ha poi tanti motivi per cui rimproverarsi. Uno di questi, però, si è sino ad ora rivelato fondamentale, ed è il troppo basso numero di vittorie (solamente tre) ottenute in trasferta. Tali risultati hanno rallentato e come la marcia verso il primato dei rossoneri che, tralasciando le sconfitte di Gela e Sancataldo, hanno gettato alle ortiche una vittoria ormai già messa in cassaforte contro la Palmese e lasciato altri due punti sul campo della Gelbison, avversario rispettabile ma alla portata. Insomma, con un po’ di coraggio e cinismo in più, il girone I sarebbe ancora più aperto di quanto già lo è. Allo stesso tempo, gli uomini di Massimo Morgia hanno sempre riscattato ogni passo falso, rendendo lo stadio “San Francesco” un fortino inespugnabile. A testimonianza di un rendimento casalingo ben fuori dal comune ci sono i numeri, che vedono la Nocerina sempre vittoriosa. L’unica eccezione è rappresentata dall’Igea Virtus, contro la quale i molossi non andarono oltre un pareggio che ancora oggi lascia spazio a qualche rimpianto. Adesso, però, i tifosi e gli addetti ai lavori devono metterseli alle spalle e guardare con ottimismo al girone di ritorno. La seconda parte di stagione si aprirà il prossimo otto gennaio e vedrà la Nocerina impegnata in trasferta contro la Vibonese. Battere a domicilio anche la terza forza del campionato significherebbe spaventare ulteriormente il Troina, regina del girone I che, come ogni sovrano, farà di tutto per non perdere la propria corona. Nel frattempo, per i ragazzi di Massimo Morgia è bene deporre le armi da guerra e affilare i coltelli per affettare un panettone più dolce del previsto.

 

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca