fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

L’ex tecnico ha condiviso col calciatore l’esperienza nella stagione 2005-2006: «La sua sola presenza in campo spaventa le difese avversarie. Con Simonetti può nascere un’ottima intesa»

chiancone Nella stagione 2005-2006 un Fabio Mazzeo appena 22enne realizzava diciassette reti in 33 presenze con la maglia della Nocerina in serie C2, dopo che nei precedenti campionati aveva messo insieme appena 3 gol in 35 apparizioni.

Merito del lavoro di Roberto Chiancone, calciatore prima e allenatore poi amatissimo dalla tifoseria rossonera: «Mi resi conto che Fabio doveva giocare più vicino alla porta perché aveva tutte le carte in regola per diventare un goleador affermato – ricorda l’ex tecnico intercettato dalla nostra redazione – sono felice che abbia deciso di tornare alla Nocerina. Sicuramente ha fatto una scelta di vita, per avvicinarsi alla famiglia e tornare alle sue origini. Negli ultimi anni, complice l’età, ha trovato un pizzico di difficoltà nelle categoria superiori, ma rappresenta assolutamente un lusso per la serie D. La sua sola presenza in campo a volte è sufficiente ad intimorire un’intera difesa. Se adeguatamente supportato dal resto della squadra credo possa fare la differenza, sfruttando anche le sue capacità su calcio piazzato. Di sicuro mister Cavallaro non deve chiedergli di correre!».
Salvo ulteriori innesti in attacco, il suo partner sarà Felice Simonetti, altro calciatore allenato da Chiancone e autore di 10 gol in 32 partite in serie D nell’annata 2018-2019: «Felice è un attaccante forte fisicamente, che ama dialogare col suo compagno di reparto – conclude Chiancone – credo possa trovare un’ottima intesa con Mazzeo, soprattutto se quest’ultimo riesce a liberarsi negli spazi e agire come rifinitore».
A proposito di mercato nei prossimi giorni il direttore sportivo Riccardo Bolzan dovrebbe assicurare a Cavallaro almeno altri due calciatori di esperienza. Il reparto da perfezionare è la difesa che, anche complice l’infortunio al braccio di Donida, è numericamente incompleta.  

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca