fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

A proporlo è stata l'europarlamentare del Movimento 5 Stelle Isabella Adinolfi. «Limitare la partecipazione del cittadino al solo voto è ciò che la e-Democracy vuole superare

Presentato al Parlamento europeo di Strasburgo lo studio STOA (Valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche) sulle "Opzioni e sistemi tecnologici per rafforzare la partecipazione a la democrazia diretta".

Un lavoro proposto da Isabella Adinolfi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle. Durato oltre due anni, lo studio ha indagato sulle reali possibilità per poter adottare ed implementare gli strumenti di democrazia diretta ed elettronica. Un'accurata indagine scientifica sulla possibilità di incrementare gli spazi di democrazia diretta e partecipativa anche a livello europeo.
«E' un giorno importante - ha commentato Isabella Adinolfi, nel corso della presentazione dello studio - il tema della democrazia diretta e partecipativa è il cuore del Movimento 5 Stelle. Basti pensare alla scelta dei candidati attraverso le primarie online o alla piattaforma Rousseau dove tutti i cittadini possono proporre testi di legge stando al nostro fianco in gran parte delle nostre decisioni. Un progetto di democrazia diretta, quello del Movimento 5 Stelle, frutto di una visione lungimirante che ha consentito di assicurare la partecipazione alla vita parlamentare dei nostri concittadini. Ora – ha aggiunto l’europarlamentare pentastellata - anche alla luce dei dati emersi dallo studio, spero che il Parlamento europeo, insieme a Commissione e Consiglio possano implementare, almeno in parte, questi strumenti di e-Democracy».
Adinolfi isa2Interviste, questionari, analisi comparative e specifiche su 22 casi europei e non. Un metodo scientifico, quello usato dai ricercatori, volto a cristallizzare i fondamenti su cui lavorare per rafforzare la partecipazione dei cittadini al processo decisionale europeo.
Un cittadino continuamente connesso al processo legislativo è un cittadino cosciente e reattivo, pronto a rendersi promotore di istanze della comunità a cui fa riferimento. Per arrivare a questo è necessaria la chiarezza. Informare il cittadino sul dove, come, quando partecipare, l'eventuale responsabile del procedimento in esame e l'obiettivo che si vuole raggiungere sono elementi che rendono particolarmente dinamico e fruttuoso il rapporto tra politico e cittadino.
«Come tutti i modelli, anche quello della e-Democracy è perfettibile, ma solo con la continua condivisione delle esperienza maturate» ha riferito l'Adinolfi. Per l’Adinolfi il cittadino deve tornare al centro della vita politica ed essere parte attiva delle decisioni politiche.
«La partecipazione elettronica va intesa come estensione naturale della democrazia. Limitare però la partecipazione del cittadino al solo voto - spiega il membro della Commissione cultura dell'europarlamento - è esattamente quello che la e-Democracy vuole superare e che noi del Movimento 5 Stelle abbiamo ben recepito sin dalle nostre origini».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca