fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Un infelice attacco del primo cittadino ai pubblici dipendenti del Comune genera una ferma protesta da parte della rappresentanza sindacale che evidenzia come l'Ente sia senza personale
È polemica forte a Pagani tra sindacati e primo cittadino. Quest'ultimo domenica pomeriggio aveva accusato i vigili per la loro "improvvisa" malattia, che a suo dire avrebbe impedito il funzionamento della ztl, definendo il lavoro pubblico "porcaio pubblico".


Insorti, a piena ragione, i rappresentanti dei lavoratori, che in un articolato comunicato hanno evidenziato come il Comune di Pagani, a fronte di 230 dipendenti di cui necessiterebbe nel rapporto che il Governo ha fissato a 1 dipendente per ogni 152 abitanti, in servizio ne esistono solo 79, di cui due distaccati al Tribunale di Nocera, e che per fine anno altri 10 andranno in pensione.
E ancora, i sindacatati contestano che tre vigili di pomeriggio, di cui uno in sede, non possono certo assicurare il funzionamento della città.
«Visti i continui attacchi ai lavoratori sui vari social ed in ultimo anche dal sindaco che è il primo "dipendente pubblico" della città - scrive la CGIL - a noi corre l'obbligo di ricordare che da oltre un decennio si è cercato di favorire l'incremento delle varie dotazioni organiche, nonostante la Parte Pubblica non abbia mai dato troppa importanza al chiarissimo nesso servizi = dipendenti».
I dipendenti si dicono rammaricati ed offesi ed invitano il sindaco ad una più approfondita e veritiera analisi delle problematiche e ad una maggiore attenzione alle parole proferite e pubblicate.

conflitti in famiglia

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca