fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

CNR

  • Oggi e domani, alle 21, in tutta Italia lanciato un flash mob per misurare quello luminoso e scoprire lo spreco causato dell’illuminazione pubblica

    di Maria Esposito
    Flash mob staserra e domani per misurare l'inquinamento luminosoTutto l’universo scientifico e in particolar modo quello medico, è dedito allo studio epidemiologico del Coronavirus, i dati emersi da questa pandemia attraverso il suo excursus morfologico e vitale, ha evidenziato una certa pericolosità letale.

  • L'Istituto di Nanotecnologia del Cnr  ha scoperto che la quercetina funge da inibitore specifico per il virus responsabile del Covid-19, mostrando un effetto destabilizzante sulla 3CLpro, una delle proteine fondamentali per la replicazione del virus. Lo studio è pubblicato sull'International journal of biological macromolecules

    di Maria Esposito

    Una molecola di quercetina

    Sarà la quercitina l'arma "segreta" per combattere il Covid-19? A dirlo una ricerca tutta italiana. L’attenzione di tutto il mondo è in questo momento proiettata verso la ricerca di un rimedio farmacologico per combattere il coronavirusSARS-CoV-2, responsabile del Covid-19.

  • Pubblicato uno studio che propone una cura per il Covid-19 sulla base di metodi bioinformatici combinati con la modellistica matematico-statistica. Tale utilizzo ha permesso di trovare porzioni della molecola glicoproteina S del coronavirus capaci di scatenare una risposta immunitaria stabile

    Di Maria Espositocovid

    Tra i principali filoni di ricerca attivati dalla comunità scientifica in seguito allo scoppio della pandemia da coronavirus SARS-CoV-2, per comprendere le dinamiche del contagio, cercare di limitarlo e trovare una cura efficace, fondamentali sono gli studi epidemiologici, per seguire e possibilmente anticipare l'andamento, quelli medici per capire la relazione tra agente patogeno e organismo ospite, l’analisi biologica per capire i meccanismi molecolari e cellulari del virus e bloccarne la replicazione, la ricerca chimico-farmaceutica per ideare e testare vaccini capaci di stimolare una risposta immunitaria efficace, durevole e sicura.

  • La Lega Cadetta e le 20 società associate scendono in campo a sostegno della ricerca scientifica del Consiglio Nazionale delle Ricerche sul Coronavirus, con un SMS o una chiamata da rete fissa al numero 45587 dal 28 marzo al 16 aprile. Balata:"Aiutiamo la ricerca!"

    di Maria Esposito

    GrandeCuoreSerieB

    Dal giorno in cui è scoppiata in Italia l’emergenza sanitaria da Covid-19, i ricercatori del CNR hanno messo in campo le loro competenze e la loro esperienza, dando il via alla prima attività di ricerca sul Coronavirus a livello nazionale. Il progetto di ricerca sul Covid-19 del CNR, guidato dal Dipartimento di scienze biomediche (Dsb), si pone l’obiettivo di individuare i cosiddetti bersagli cellulari specifici per poi, successivamente, ideare farmaci per la terapia delle infezioni virali, con tecniche che vanno dalla biologia molecolare e cellulare, agli studi morfologici, agli screening di un grande numero di molecole che possano interagire con il meccanismo biologico e all'analisi bioinformatica e modellistica