fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Il presidente Michele Strianese: «In mancanza di criteri nazionali siamo stati i primi a individuare criteri in materia di rifiuti. Approvato anche un piano che vincola i Comuni nei quali si superano gli indici di saturazione individuati»

strianese consiglio provincialeErano oltre 84 i punti all’Ordine del Giorno discussi ieri nel Consiglio Provinciale, chiuso al pubblico quale misura di prevenzione anticovid.  Tante le questioni importanti affrontate e deliberate, tra cui l’approvazione del bilancio di previsione 2020-2022, la rinegoziazione dei mutui con Cassa Depositi e Prestiti anno 2020 e l’individuazione delle aree non idonee alla localizzazione di impianti di trattamento dei rifiuti, per effetto del raggiungimento del livello di saturazione. Prevista, inoltre, la relazione per la determinazione dei criteri e relativa classificazione territori saturi.

«Abbiamo raggiunto sicuramente un risultato storico – afferma soddisfatto il presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese – dichiarando Battipaglia e Sarno “aree sature” e quindi non idonee alla localizzazione di impianti di trattamento dei rifiuti. La Provincia ha elaborato uno studio importante che fa da apripista; in mancanza di una precisa normativa nazionale siamo stati i primi ad individuare criteri oggettivi in materia di rifiuti in un percorso amministrativo assolutamente scivoloso.
consiglio provincialeIl settore Ambiente dell’Ente, diretto da Angelo Cavaliere, ha svolto un censimento puntuale degli impianti di trattamento di rifiuti presenti sul territorio, permettendoci di individuare le due aree sature, attraverso la rilevazione che per mesi ha analizzato i dati di ogni comune, in modo da calcolare l’indice di saturazione, in base alla quantità di rifiuti conferiti per impianto e alla superficie territoriale. Nessun nuovo impianto privato in queste aree, dove rimarranno solo quelli previsti dal Piano regionale per la gestione dei rifiuti. Va sottolineato poi che la stessa delibera prevede anche l’adozione di una variante al Piano Territoriale di Coordinamento provinciale per vincolare tutti i Comuni dove si superano gli indici di saturazione individuati. La Provincia si è spinta veramente al massimo delle proprie competenze con questo provvedimento che sarà al più presto recepito nel nostro Piano Territoriale di Coordinamento provinciale (PTCP). Come Provincia di Salerno – conclude Strianese - sicuramente abbiamo scritto una pagina importante per la tutela dell’Ambiente e della salute delle nostre comunità, grazie anche alla filiera istituzionale instaurata in questi mesi con i Comuni, con il territorio e soprattutto grazie alla Regione Campania, al presidente De Luca, e al vicepresidente Fulvio Bonavitacola, che ha seguito con noi ogni fase di questo percorso amministrativo».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca