fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Alla brutale uccisione sui colli piacentini parteciparono entrambi, oltre al figlio di uno dei due già in carcere da tempo. Fu premeditato con una vera e propria imboscata. Tra le due famiglie vi erano ostilità per la spartizione dei pascoli

di Redazione

Alle prime ore del mattino, i Carabinieri della Compagnia di Battipaglia hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo, per omicidio aggravato dalla premeditazione in concorso e porto e detenzione illegale di arma da fuoco nei confronti di due pastori dei colli picentini.

Nelle maglie della giustizia sono finiti due fratelli, N.D.M. e F.D.M., a carico dei quali è emerso un solido quadro accusatorio per aver preso parte all’agguato che il 23 aprile 2019, nelle campagne di Giffoni Sei Casali - zona Cerzoni, si concluse con l’omicidio di Domenico Pennasilico, attirato in una vera e propria trappola unitamente al figlio Generoso (per il cui tentato omicidio nel settembre scorso è stato già tratto in arresto B.D.M., figlio del primo dei fratelli), con l’inganno di recuperare dei bovini di proprietà delle vittime astutamente nascosti. L’attività di indagine ha consentito di acclarare che durante le due azioni di fuoco (omicidio e tentato omicidio) furono esplosi almeno 8 colpi da tre armi diverse, due fucili da caccia caricati a pallettoni e una pistola calibro 9, e che la vera e propria imboscata fu organizzata e premeditata nei minimi dettagli, conoscendo gli odierni arrestati abitudini e movimenti dei pastori. Le accurate investigazioni, che hanno permesso di inquadrare il movente nella forte ostilità tra le due famiglie legata alla spartizione delle aree di pascolo del bestiame, hanno altresì dimostrato come i due arrestati abbiano fornito un alibi infondato, sconfessato dalle dichiarazioni testimoniali raccolte, dall’analisi dei tabulati dei loro cellulari e dalle intercettazioni ambientali e telefoniche. L’agguato, infatti, non a caso concise con la data della festa patronale della Madonna di Carbonara, molto sentita in quei luoghi, verosimilmente in quanto la presenza di molte persone nei pressi del santuario del posto e gli eventi in programma avrebbero potuto attestare falsi alibi (B.D.M., infatti, dichiarò di aver fatto uso di armi in occasione del cosiddetto “tiro al caciocavallo”, evidentemente per giustificare l’eventuale presenza di polvere da sparo sui vestiti). Quanto all’esatta dinamica, la perizia medico legale ha confermato che Domenico Pennasilico è stato prima ferito ad una gamba e poi freddato da distanza ravvicinata, così come in parte rivelato dalla stessa vittima al figlio prima di morire, durante la sua ultima drammatica telefonata.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca