fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Manlio Torquato, amareggiato, sul suo profilo Facebook si augura che quanto successo nel reparto Chirurgia d'urgenza dell'Umberto I sia solo una tragica fatalità
lutto Si chiamava Gerarda Marra ed aveva 81 anni la settima vittima di Coronavirus deceduta a Nocera Inferiore. Anche lei, come conferma il primo cittadino Manlio Torquato, era stata ricoverata a Chirurgia d'urgenza all'Umberto I di Nocera Inferiore.

Amereggiato il commento di Torquato sul suo profilo Facebook: «Poche ore fa la guarigione di due nostri concittadini. Era ed è una bella notizia. Cui però ne segue ora una molto triste il decesso di una nostra anziana concittadina. Il fatto che rileva però non è che sia anziana (circostanza che ha la stessa identica dignità se non di più, dell'esser giovane), ma che sia l'ennesima venuta fuori dalla chirurgia.
Ora al netto di post fighetti che parlavano un po' retoricamente settimane fa, della difesa a oltranza dei medici impegnati nell'emergenza, mi chiedo cosa si debba pensare dinanzi a ben 5 deceduti (sui 7 complessivi di Nocera) venuti fuori da li. Oltre al numero ancora imprecisato di contagiati, sempre li, tra contatti diretti o indiretti. Senza i quali noi ed altri Comuni del comprensorio, registreremmo numeri da Svizzera, di assoluto controllo territoriale, quale è. Mi chiedo cosa si possa mai dire alle famiglie ai cari alle stesse vittime.
Credo invece che fuori da ogni retorica e con tutte le giustificazioni e le garanzie possibili di quel che speriamo sia stata solo una tragica fatalità, sia il caso che la Direzione Sanitaria svolga un indagine interna. Per spiegare e dire cosa sia davvero accaduto.
Lo dobbiamo alla verità al rispetto per le persone e ad una sanità che sia fino in fondo al di sopra di ogni comprensibile dubbio».
Alla famiglia le condoglianze della redazione del Risorgimento Nocerino.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca