fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Il presidente della regione: «Situazione preoccupante in alcune realtà della provincia di Napoli, chiedo controlli più rigidi e comportamenti responsabili alla cittadinanza»

de luca vincenzo 2020 2Prosegue, anche se a ritmo decisamente più basso, il diffondersi del Coronavirus in Campania. Dopo alcuni giorni di ottimismo, il dato registrato ieri non fa ben sperare; su 1324 tamponi analizzati ne sono risultati positivi 99, a dispetto dei 66 sui 1322 test di domenica.

A preoccupare di più, però, è la presenza di interi gruppi familiari contagiati, soprattutto nella provincia di Napoli. A riguardo, in mattinata, si è espresso il presidente della regione Vincenzo De Luca: «Il monitoraggio quotidiano dei casi di contagio in Campania, fa rilevare la presenza di interi gruppi familiari positivi. La situazione è preoccupante in alcune realtà della provincia di Napoli, dove nei giorni scorsi si sono registrati comportamenti poco responsabili da parte di gruppi di cittadini.
Si registrano 61 casi a Casoria; 58 a Giugliano; 52 a Pozzuoli; 52 a Marano; 49 ad Afragola; 36 a Frattamaggiore e Frattaminore (10), per un totale di 308 contagi. L'Asl Napoli 2 è impegnata in un lavoro straordinario per ricostruire la catena di rapporti avuti dai contagiati, ed evitare la diffusione dell'epidemia. Ma è necessario avere comportamenti rigorosi, e non i rilassamenti che in quei territori si sono registrati, con centinaia di persone in mezzo alle strade. Invito le Forze dell'ordine, le unità dell'Esercito, le Polizie municipali a sviluppare il più rigoroso controllo per contrastare atteggiamenti scorretti.
L'Asl Napoli 1 è impegnata a contenere, con i necessari controlli territoriali, un focolaio di contagio che è emerso nella città di Napoli, nell'area del Vomero. È urgente anche qui, ampliare e rendere rigorosi i controlli.
Dovrebbe essere chiaro a tutti che i comportamenti scorretti offendono e danneggiano la stragrande maggioranza dei cittadini che rispetta le regole con grande spirito di sacrificio. Così come dovrebbe essere chiaro che più si è responsabili, prima finisce questa emergenza. È evidente che il permanere di situazioni di rischio renderebbe inevitabili misure territoriali di quarantena ancora più pesanti».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca