fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Nuova ordinanza del Governatore De Luca, che vieta a ristoranti, bar e pizzerie le consegne serali a domicilio. Il provvedimento, giustificato, inferisce un colpo al ritrovato piacere delle sere in famiglia

redazione

de luca coronavirusNuova “mazzata” sull’economia in questo periodo di grave crisi generata dal Coronavirus: arriva il divieto di consegne a domicilio dopo le 18.

L’ordinanza, la numero 11 del Governatore della Campania Vincenzo De Luca, porta la data di ieri, 10 marzo, e con decorrenza immediata e fino al 3 aprile 2020, impone ad attività di ristorazione, pizzerie e bar, su tutto il territorio della regione Campania, di osservare inderogabilmente l'orario di apertura dalle 6 alle 18, con divieto di effettuare qualsivoglia attività al di fuori di detto orario. Quindi niente pizza o cena a casa dopo le 18: un colpo duro – sebbene giustificatissimo dalla situazione - sia per le attività dotate di servizio di consegna a domicilio che per quei servizi nazionali come Just Eat e Glovo, per citarne due di esempio, che operano proprio consegnando a domicilio cibo e altri prodotti in qualsiasi momento della giornata.
Pesanti le sanzioni previste:  “salvo che il fatto costituisca più grave reato, il mancato rispetto degli obblighi di cui al provvedimento è punito ai sensi dell'articolo 650 del codice penale, ovvero fino a tre mesi di carcere o 206 euro di multa”.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca