fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Il primo cittadino di Nocera Inferiore si rivolge in particolare ai giovani: «Probabilmente siamo in una nuova fase dell’epidemia. Senza panico, ma senza incoscienza vi invito a rispettare le precauzioni»

redazione

manlio torquato2019 1Con un post apparso questa mattina sul suo profilo Facebook, che riportiamo integralmente, il sindaco di Nocera Inferiore Manlio Torquato ha lanciato un nuovo appello ai suoi concittadini, in particolare ai giovani, sui comportamenti da tenere per combattere la diffusione del Coronavirus, che verosimilmente si appresta ad entrare in una fase più diffusiva nell’Agro.

“Carissimi,

è verosimile ritenere che l'epidemia stia entrando in una fase nuova e piu' diffusiva sul territorio dell' Agro nocerino sarnese.

Perciò SENZA PANICO, MA SENZA INCOSCIENZA, invito voi tutti, i ragazzi in particolare, a rispettare quotidianamente e seriamente le PRECAUZIONI raccomandate:

- EVITATE LUOGHI CHIUSI AFFOLLATI

- TENETEVI A DISTANZA DI SICUREZZA DA CHI HA SINTOMI DI RAFFREDDORE, FEBBRE ecc.

- NON METTETE LE MANI IN BOCCA O NEGLI OCCHI

- SE TOSSITE O STARNUTITE FATELO PROTEGGENDO LA BOCCA CON UN FAZZOLETTO O SIMILI E COMUNQUE NON VICINO AGLI ALTRI

- EVITATE DI MANGIARE CON LE STESSE POSATE E BERE DAGLI STESSI BICCHIERI, BOTTIGLIE, di passarvi di bocca in bocca sigarette

- LAVATEVI LE MANI SPESSO E SEMPRE AL RIENTRO A CASA

- SE ACCUSATE SINTOMI (FEBBRE O RAFFREDORE) NON ANDATEVENE IN GIRO, MA AVVISATE SUBITO IL VOSTRO MEDICO

- AVVISATE SUBITO IL VOSTRO MEDICO ANCHE SE AVETE AVUTO CONTATTI CON PERSONA AFFETTA DA CORONAVIRUS.

In tali casi Non andate in Ospedale !

Provvedono loro.

IL CORONAVIRUS NON È LA PESTE.

Ma e' una infezione molto contagiosa e che mette a rischio anziani, ammalati e il nostro sistema ospedaliero che deve servire a curare tutti.

QUINDI NON ABBIATE TIMORE A SEGNALARE SUBITO AL VOSTRO MEDICO o ALL' ASL o AI NUMERI 112 o 118 IL VOSTRO STATO DI SALUTE SE AVETE SINTOMI, E I CONTATTI AVUTI CON PERSONE INFETTE.

SIAMO PRUDENTI, SIAMO SERI.”

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca