fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Dopo l’annuncio di una variazione unilaterale al contratto applicato ai lavoratori dell’azienda proclamato lo stato di agitazione al termine di un’assemblea del personale

Antonio Malangone, segretario Uil FplArrivano le barricate di lavoratori e sindacati contro la decisione de “La nostra famiglia” di apportare una variazione unilaterale al contratto nazionale di lavoro.

Al termine dell’assemblea che si è tenuta presso la sede dell’associazione a Cava de’ Tirreni, il segretario regionale Uil Fpl, Raniero Misuraca, e il segretario provinciale, Antonio Malangone, entrambi presenti all’incontro, hanno annunciato lo stato di agitazione.
Una protesta motivata dalla comunicazione dello scorso 27 gennaio, con cui il sodalizio ha dichiarato di voler cambiare l’applicazione del contratto. Una scelta non condivisa dai sindacati, che hanno formalmente diffidato l’associazione, preparandosi a dare battaglia. «Siamo per il mantenimento del contratto della Sanità privata tuttora in essere, rifiutando qualsiasi modifica – affermano gli esponenti della Uil Fpl – È inaccettabile qualsiasi proposta che preveda condizioni peggiori sia in termini economici che di orari di lavoro. Su questo punto invitiamo le organizzazioni sindacali nazionali a ricordare le lotte che hanno portato alla progressiva riduzione da 40 a 36 ore settimanali. Qualsiasi variazione, poi, non può prescindere da un tavolo di confronto tra le parti». Alla Uil Fpl nazionale viene conferito dunque il mandato di «proclamare lo stato di agitazione per tutelare i diritti di lavoratori e lavoratrici dell’associazione».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca