fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

La Procura della Repubblica di Nocera Inferiore ha scoperto, grazie alle indagini dalla Guardia di Finanza della locale Compagnia, un giro di fatture false e indebite compensazioni d'imposta

Una pattuglia della Guardia di FinanzaÈ di quasi 6 milioni e mezzo di euro il valore dei beni e conti correnti sequestrati dalla Guardia di Finanza di Nocera Inferiore a 26 amministratori di aziende o proprietari di ditte individuali operanti in diverse province del territorio nazionale.

Le indagini, dirette dai Sostituti Procuratori Davide Palmieri e Anna Chiara Fasano del Tribunale di Nocera Inferiore, e condotte dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Nocera Inferiore, hanno permesso di individuare due soggetti residenti nell'area vesuviana che avevano messo in atto una vera e propria frode fiscale al servizio di imprese compiacenti: creare false fatture per consentire ai 26 imprenditori di ridurre, illecitamente, i propri debiti tributari.
Gli accertamenti condotti dai Finanzieri hanno messo in luce un meccanismo semplice ma che si è rivelato estremamente insidioso per gli interessi dello Stato. Gli indagati, infatti, presentavano modelli di pagamento F24 con i quali attestavano delle fatture di acquisto – ovviamente false – e attraverso di essi vantavano crediti che spesso riuscivano a compensare completamente le somme che invece le aziende dovevano regolarmente pagare, ingannando l’Agenzia delle Entrate, che riconosceva la compensazione cancellando i ruoli e revocando i conseguenti provvedimenti di accertamento.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca