fbpx
Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Gli attivisti del gruppo Nocera in Movimento chiedono al sindaco un'ordinanza che preveda pesanti sanzioni per chi, malgrado le direttive europee e i divieti già esistenti, non si adegui

Un’ordinanza del sindaco per vietare l’uso delle plastiche monouso non biodegradabili. È quanto hanno chiesto con una missiva indirizzata al primo cittadino di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, all’assessore all’ambiente Federico Piccolo e ai capigruppo consiliari gli attivisti del gruppo Nocera in Movimento.

“Per i trasgressori dovranno scattare le sanzioni che già sono previste dalla Direttiva Europea”, scrive il gruppo, che poi precisa: “Il provvedimento dovrebbe riguardare supermercati, botteghe di vicinato, salumerie e ogni altro esercizio e centro abilitato alla vendita di stoviglie per alimentari e cotton fioc ma anche le attività della ristorazione, quali bar, ristoranti, pizzerie, paninoteche, take-away, rosticcerie, friggitorie e attività similari aventi quale finalità la somministrazione di alimenti e bevande. Stesso accorgimento dovrebbe essere applicato, come già da noi chiesto tramite altro documento protocollato, in occasione di feste pubbliche e sagre oltre che da enti e associazioni. Chi abita in città dovrà dotarsi di sacchetti monouso biodegradabili e compostabili, oppure in carta o borse riutilizzabili. Le misure come detto rientrerebbero nella più generale Economia Circolare, che si spinge da Bruxelles e volta anche alla progressiva eliminazione della plastica. La strategia è stata prodotta dalla Commissione Europea un anno fa e punta a un continente plastic free entro il 2030. Già dal 1° gennaio 2019, su tutto il territorio nazionale, è vietato vendere cotton-fioc con bastoncini in plastica e dal 1° gennaio 2020 sarà bandito l’uso di microplastiche dai prodotti cosmetici”. plastiche monouso2Il gruppo si spinge oltre, e consiglia un controllo sul territorio per appurare chi smaltisca i propri rifiuti in sacchetti “fuorilegge” e fuori da orari e giorni stabiliti.
“Riteniamo – conclude il documento - che non ci debba essere più spazio per l'improvvisazione nella gestione ambientale, che in questi mesi di emergenza ha raggiunto livelli preoccupanti. I rifiuti domestici e delle attività commerciali devono essere correttamente separati per essere accettati dalla discarica e questa è una regola basilare che rientra in quel percorso virtuoso di buone pratiche in grado di innescare il raggiungimento di un doppio importante risultato: diminuire l’impatto ambientale e alleggerire i costi in bolletta”.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca

Statistiche generali

Utenti
180
Articoli
7703
Visite agli articoli
10339469
« Aprile 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30