fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Un gruppo di commercianti, abitanti e gestori di servizi del quartiere si appella al sindaco e chiede che non si facciano altri esperimenti per la circolazione e aggiungono: ripristinate il ponte di via Cuomo!

«Non fate altri cambiamenti! A Cicalesi va bene così com'è ora». È questo l'appello di un gruppo di commercianti, abitanti e gestori di servizi del popoloso quartiere nocerino oggetto, da diverso tempo, di continue e non riuscite variazioni ai sensi di circolazione delle auto fatte come tentativo di metter ordine al caotico traffico che attraversa Cicalesi.

La zona è particolarmente disagiata per il transito in autovettura a causa della presenza del Centro per l'impiego, dell'Inps, di diverse scuole. A fare da ciliegina sulla torta la chiusura forzata, ormai da troppo tempo, del ponte di via Cuomo, che rappresenta una delle più efficaci vie d'uscita dal quartiere.
I commercianti non si nascondono, e ci autorizzano a fare i loro nomi: sono i titolari del Caffè Petruccelli, Prisco e Pasquale Petruccelli, Mattia De Vivo,
Antonella Pignataro, i titolari della Scuola Materna Disney Club, quello della tabaccheria Bassano, Valentino Cuomo e Saverio Rossi, titolare del Minimarket Rossi. E asseriscono che a gran parte degli abitanti di Cicalesi questa situazione, appena ripristinata, va benissimo.
«Alcuni commercianti, che inopportunamente parlano a nome di tutti, ma non è vero, da tempo giocano con questa situazione - ci dicono - con il solo scopo di far passare fisicamente le auto davanti ai propri negozi. Senza pensare al disagio delle altre persone che vivono e lavorano in questo quartiere. Ma tutti gli esperimenti fatti fino ad oggi hanno dato esiti peggiori del male che volevano curare. In realtà per noi il sindaco Torquato ha perfettamente ragione: con la chiusura delle scuole - principale causa del traffico in certe ore - la situazione migliorerà, e ci sarà il tempo di arrivare al ripristino del ponte di via Cuomo, che rappresenterà la soluzione definitiva al problema».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca