fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Malgrado l'intervento di stampa e trasmissioni come "Striscia la notizia" nulla ancora si è fatto per il problema del sovraffollamento sulle corse. A continuo rischio l'incolumità dei ragazzi

Una missiva dell'A.DI.CO.P.T. (Associazione per la difesa dei Diritti dei Consumatori per i Pubblici Trasporti) e del Comitato Pendolari Linea Storica Napoli – Salerno, guidato da Alfonso Tulipano, per non lasciar cadere nel vuoto il problema del sovraffollamento delle corse per e da Fisciano che vedono ogni giorno a rischio l'incolumità fisica degli studenti che frequentano l'Ateneo.

L'hanno trasmessa a Busitalia, alla Regione Campania e alla Provincia di Salerno chiedendo un incontro urgente sull'argomento.«Facendo seguito a quanto accaduto nella giornata del 15 marzo u.s. - si legge nella missiva - in cui su di un bus della società Buonotourist studenti frequentatori dell’Università di Fisciano sono stati costretti a spintonamenti e urla per accaparrarsi un posto a sedere e, in conseguenza di ciò, per molti di loro è stato necessario aspettare la successiva corsa, questa associazione espone quanto segue: tale incresciosa situazione appena accennata è sistematica e quotidiana. E non attiene solamente alla società sopra riferita ma anche alla società Busitalia. La causa di ciò risiede, come si è già appurato per altre criticità rilevate (ad esempio su alcune corse relative alla linea 83 Università), nel ridotto numero di autobus disponibili rispetto ad una crescente domanda di utenti frequentatori dell’Ateneo salernitano. Invero, nell’adozione di programmazione di tale tratta, non si è tenuto conto che nel presente anno scolastico vi è stato un deciso aumento della partecipazione degli studenti alla frequentazione dei corsi universitari».
La missiva continua con un'analisi delle carenze e delle mancanze nella gestione dei trasporti e chiede da un lato "la immediata attuazione di surplus di corse negli orari corrispondenti al maggior flusso di studenti da e per l’Ateneo salernitano" ma anche un incontro per poter arrivare a una soluzione del problema. Saranno ascoltati?

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca