fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Per i reali proprietari, madre e figlio, sono scattati il divieto di dimora nel comune di residenza e i domiciliari. La misura interdittiva del divieto di esercitare un'attività imprenditoriale è stata applicata nei confronti di Ametrano Giuseppina, Luzzi Giuseppina, Schettino Mauro e Brancaccio Nunzio

dia operazioneNella mattinata odierna, la Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito un'ordinanza applicativa di due misure coercitive e quattro misure interdittive, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Salerno su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di persone sottoposte ad indagini per concorso nel delitto di trasferimento fraudolento di valori, nel settore delle onoranze funebri.

Secondo quanto ritenuto nel provvedimento cautelare i proprietari di un'impresa operante nel territorio di Scafati, al fine di evitare che essa venisse sottoposta a misura di prevenzione patrimoniale, avrebbero fatto in modo da non apparire più formalmente mutando fittiziamente la compagine sociale o costituendo allo scopo nuove persone giuridiche. La reale proprietà e l'effettiva amministrazione delle varie imprese coinvolte, sarebbero rimaste sempre nella disponibilità dei soggetti che avevano ragione di temere l'applicazione nei loro confronti di provvedimenti ablatori. Il giudice ha applicato la misura degli arresti domiciliari a Matrone Antonio e quella del divieto di dimora nel comune di residenza alla madre di costui D'Isidoro Anna, ritenuti effettivi proprietari dell'attività di onoranze funebri; mentre la misura interdittiva del divieto di esercitare un'attività imprenditoriale è stata applicata nei confronti di Ametrano Giuseppina, Luzzi Giuseppina, Schettino Mauro e Brancaccio Nunzio che si è ritenuto svolgessero il ruolo di prestanomi; con lo stesso provvedimento è stato altresì disposto il sequestro di alcuni autoveicoli in uso agli indagati utilizzati per 'effettuazione dei servizi funebri. Le società coinvolte sono: "'Eternità s.r.l.", "M.S.F. s.r.l." e l'impresa individuale "Onoranze Funebri L'Eternità" di Brancaccio Nunzio, tutte, peraltro, già in precedenza attinte da interdittiva antimafia emessa dal Prefetto di Salerno.

conflitti in famiglia

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca