fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

I due, attivi nel settore dei rifiuti e delle cartiere, nonché in politica a Scafati, utilizzavano una sistema di “teste di legno” e compivano sui propri beni atti fraudolenti per evitare la riscossione coattiva dell’Erario

guardia finanza genericaSottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e autoriciclaggio. Così è scattato un maxi sequestro dei finanzieri nei confronti di due noti imprenditori dell’Agro nocerino-sarnese.

Nella giornata di ieri, infatti, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha sottoposto a sequestro circa 180mila euro, indebitamente sottratti alle casse dello Stato. All'esito di una complessa attività di indagine, condotta dalla Sezione di Polizia Giudiziaria e dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Nocera Inferiore, coordinata da questa Procura della Repubblica, è stata accertata la commissione di reati tributari da parte di due soggetti attivi nel settore dei rifiuti solidi urbani, industriali e biomasse. Le operazioni svolte, hanno consentito di accertare che S.C. e S.M., soci nonché amministratori di diritto e di fatto di una società ormai cessata, in previsione di un eventuale fallimento e considerata una pregressa esposizione debitoria nei confronti del Fisco, avvalendosi anche di alcune "teste di legno" (di persone, cioè, compiacenti), attuavano una serie di condotte delittuose dirette a sottrarre le garanzie patrimoniali in danno dell'amministrazione finanziaria.

conflitti in famiglia

In particolare i due imprenditori, politicamente attivi nella città di Scafati - risultati già legati in una pregressa manovra estorsiva al boss Franchino Matrone -, al fine di impedire l’esatta ricostruzione sia del reddito che del volume d'affari dell'impresa, compivano sui propri beni atti fraudolenti per rendere inefficace la riscossione coattiva da parte dell'Erario della somma di oltre 89mila euro, impiegandola in attività economiche. La strategia criminosa degli indagati culminava con la liquidazione della società e la successiva cancellazione dal Registro delle Imprese. Sulla base delle risultanze investigative, la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore ha richiesto ed ottenuto l'emissione di un decreto di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, sia in forma diretta che per equivalente, della somma complessiva di 180.000 euro.

boom indirizzo

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca