fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Il sindaco di Nocera Inferiore, con la rete dei Comuni per l’Acqua Pubblica del Distretto Sarnese Vesuviano,  si riferisce a due provvedimenti che confermano un ingiustificato innalzamento delle tariffe agli utenti

de maio fascia tricoloreIl Comune di Nocera Inferiore, congiuntamente alla rete dei Comuni per l’Acqua pubblica del Distretto Sarnese Vesuviano, chiede l’annullamento di due delibere, sottoscritte dall’Ente Idrico Campano e dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente che contengono un’erronea applicazione della metodologia tariffaria, che determina un ingiustificato innalzamento delle tariffe agli utenti.

Nel 2014 il Commissario Straordinario dell’Ente d’Ambito Sarnese Vesuviano, in applicazione delle disposizioni dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, ora denominata Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA), approvava le cosiddette “partite pregresse ante 2012” per la gestione Gori per un ammontare di circa 122 milioni di euro. Tale delibera è stata dichiarata nulla per carenza assoluta di potere dal TAR Campania-Napoli. Però, l’impianto è stato confermato lo scorso agosto dall’EIC con una quantificazione delle partite pregresse ante 2012 da riconoscere al gestore Gori di 115 milioni di euro.

conflitti in famiglia

«Riconosciamo l’importanza del lavoro che stiamo condividendo con EIC e Gori nella nostra città, per il completamento della rete fognaria e per l’efficientamento della rete idrica. Infrastrutture fondamentali e interventi innovativi che vedono la Città di Nocera Inferiore camminare in sinergia con questi interlocutori – ha dichiarato il sindaco Paolo De Maio – non possiamo però dimenticare il nostro convinto “sì” alla rete dei Comuni per l’Acqua pubblica».  

boom indirizzo

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca