fbpx

L'attività di indagine dei Carabinieri ha permesso di individuare e denunciare quattro malviventi. Due di questi, dopo il colpo, hanno dato vita ad un inseguimento ad alta velocità sull'autostrada in direzione Napoli

alfaterna estNel corso del fine settimana i militari della Stazione Carabinieri di Vietri Sul Mare hanno identificato e denunciato quattro autori di truffe agli anziani.

In due sono stati fermati nella giornata di sabato, poco dopo essersi resi responsabili di una truffa ai danni di una 93enne di Albori. Si erano introdotti con una scusa in casa dell’anziana signora, e le avevano sottratto tutti i monili d’oro che si trovavano a portata di mano. Nell’allontanarsi in macchina dal luogo del misfatto, i truffatori hanno destato l’attenzione della Polizia Municipale di Vietri, che ha immediatamente attivato il personale della locale Stazione Carabinieri. Le successive attività di ricerca del mezzo sospetto, coordinate dalla Centrale Operativa dei Carabinieri di Salerno, hanno portato i militari della sezione radiomobile di Salerno ad inseguire l'auto dei truffatori sull’autostrada A3 in direzione Napoli. L’inseguimento, svoltosi ad alta velocità, si è concluso presso l’area di servizio di Alfaterna, dove i due sono stati bloccati e perquisiti, facendosi trovare in possesso dei preziosi in oro precedentemente sottratti all'anziana. Si tratta di C.S., 60enne pregiudicato di Casoria, e A.M., 19enne incensurato di Napoli, entrambi denunciati. Gli oggetti in oro sono stati restituiti alla vittima, che ha riconosciuto uno dei due malviventi. Altri due uomini sono stati identificati e denunciati a seguito di complesse attività di indagine relative a truffe simili sul territorio: F.C., 53enne napoletano, pregiudicato, che avrebbe perpetrato una truffa ai danni di una settantunenne polacca, nel mese di gennaio, con il provento di 21.000 euro in contanti e diversi monili in oro; S.P., 37enne napoletano, pregiudicato, avrebbe messo invece in atto una truffa ai danni di un’anziana di Vietri a cui, sempre nel mese di gennaio, avrebbe sottratto 4.000 euro in contanti e diversi preziosi.

conflitti in famiglia