fbpx

Non ancora pubblicato

La struttura di Montecorvino Pugliano non rilasciava alcuna documentazione fiscale o sanitaria e non era a norma con le certificazioni

gdf tamponi in neroEffettuava tamponi antigenici e molecolari senza rilasciare alcuna documentazione fiscale o sanitaria ai suoi clienti. È stata questa la molla che ha fatto scattare le indagini della Guardia di Finanza nei confronti di un centro medico di Montecorvino Pugliano.

Dalle prime indagini è emerso un significativo fenomeno evasivo, dal momento che il rapporto tra la fatturazione ed il numero di test diagnostici svolti è stato accertato in misura palesemente non proporzionale. Una volta recatisi sul posto, i militari, con l’ausilio di personale del Dipartimento di Prevenzione e Servizio Igiene Pubblica  della Asl Salerno, hanno potuto poi riscontrare che le irregolarità commesse andavano ben oltre l’aspetto di natura fiscale. Il titolare del centro, infatti, non è stato in grado di esibire le necessarie certificazioni sulla conformità della struttura alle prescrizioni imposte dalla normativa regionale di settore. Circostanza di cui è stato prontamente informato il sindaco di Montecorvino Pugliano, che ha provveduto a sospenderne l’esercizio ed avviato l’iter amministrativo per la sua cessazione completa. Nel corso degli accertamenti, i Finanzieri hanno anche appurato che tre dei quattro dipendenti addetti alla materiale esecuzione dei tamponi erano assunti completamente “in nero”, essendo risultati privi di una regolare posizione contrattuale.

conflitti in famiglia