fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

L’aumento dei costi delle utenze preoccupa l’esecutivo guidato da Mario Draghi: in arrivo fondi, riduzione dell’Iva e aumento della produzione nazionale di gas

draghi conferenzaIl Consiglio dei ministri nella giornata di ieri ha dato il via libera al nuovo decreto contro i rincari delle bollette e al decreto sulle cessioni dei crediti sui bonus edilizi, incluso il Superbonus; il pacchetto di interventi avrà un ammontare di circa 7,5 miliardi di euro e di questi almeno 6 saranno destinati a limitare gli effetti dell’aumento delle bollette di luce e gas.

«Sono fondi stanziati senza ricorrere a nuovi scostamenti di bilancio, ma grazie a margini che derivano dagli ottimi risultati della crescita dello scorso anno - ha detto il premier Mario Draghi in conferenza stampa- il Governo vuole intervenire fin da ora per evitare che il rincaro dell’energia si traduca in un minor potere di acquisto delle famiglie e in una minore competitività delle imprese».
Vediamo nel dettaglio come saranno distribuiti i fondi stanziati: 4,8 miliardi di euro saranno destinati alle famiglie, a cui si sommeranno gli 1,8 miliardi che copriranno gli oneri di sistema; circa 400 milioni serviranno per abbassare l’Iva e circa 2 miliardi e mezzo per il bonus sociale, ovvero per sostenere i gruppi familiari con reddito basso; infine 700 milioni andranno a Regioni, servizio sanitario e servizi degli enti locali.

conflitti in famiglia

Aiuti alle famiglie ma non solo: il Governo, secondo il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolano, interverrà sulla produzione nazionale di gas, con l’obiettivo di arrivare a 5 miliardi di metri cubi di produzione invece che degli attuali 3; lo scopo sarebbe quello di farsi trovare preparati in attesa degli sviluppi della crisi tra Russia e Ucraina. Nei prossimi mesi ampio spazio sarà inoltre dato alla promozione delle fonti di energia rinnovabile.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca