fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Le indagini della Finanza hanno riguardato quattro società che importavano prodotti dalla Bulgaria per non pagare l’IVA

gdfLa Guardia di Finanza di Salerno ha notificato un avviso di conclusione delle indagini a sette soggetti  ritenuti responsabili di una frode fiscale transnazionale dal valore di circa 12 milioni di euro.

Gli accertamenti della Fiamme Gialle della Compagnia di Agropoli hanno interessato inizialmente il titolare di una società di commercio all’ingrosso di eco-combustibile, rivelatosi poi solo un prestanome. La ditta in questione era di fatto gestita da due professionisti del beneventano che si avvalevano di tale “schermo” per effettuare gli acquisti di pellet da una fornitrice bulgara, in modo da rientrare nel regime di esenzione dell’IVA previsto per le operazioni intracomunitarie.
Ai medesimi soggetti, un commercialista e un consulente del lavoro, rappresentanti di altre due aziende, sono poi risultate riconducibili anche ulteriori tre imprese, intestate sempre a “teste di legno”. Tra i titolari fittizi, figura addirittura un pluri-pregiudicato napoletano che, nel periodo di attività della società formalmente amministrata, era recluso in carcere.

conflitti in famiglia

Si è in questo modo delineato il classico schema della “frode carosello” che si è sostanziato nell’utilizzo di quattro imprese “fantasma”, mediante le quali veniva fatto risultare l’acquisto del legname dall’estero e la successiva vendita ad altri soggetti compiacenti.
Nel corso degli approfondimenti, è peraltro emerso che una delle ditte in questione aveva pure ricevuto circa 100 mila euro di contributi a fondo perduto durante la pandemia, ovviamente in assenza degli specifici requisiti. Le somme percepite erano state impiegate dagli indagati nell’acquisto dei beni più vari, tra cui un’auto di lusso, un calciobalilla, capi d’abbigliamento e prodotti elettronici. L’immediato intervento dei militari ha consentito di recuperare quasi interamente gli importi erogati, sottoponendo a sequestro un veicolo del valore di circa 20 mila euro e disponibilità finanziarie per circa 60 mila euro.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca