fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Il presidente del Consiglio in conferenza stampa da Palazzo Chigi ha annunciato il piano del Governo insieme ad alcuni membri dell'Esecutivo. Il ministro Bianchi sulle scuole: "Se in classe tutti vaccinati ci si potrà togliere la mascherina"

draghi conferenzaIl Governo è per l'obbligo vaccinale e per la terza dose, Aifa permettendo. Ad annunciarlo è stato direttamente il presidente del Consiglio Mario Draghi che, nel pomeriggio in conferenza stampa, ha fatto il punto sulla situazione Covid, sul Green pass e sulle prossime decisioni. Da Palazzo Chigi, con lui, anche i ministri Giovannini, Gelmini, Bianchi e Speranza.

"Il ministro Speranza ed io ne stiamo discutendo: l'orientamento è che verrà esteso ad altre categorie e settori lavorativi" ha spiegato il Premier a proposito del Green Pass. Draghi ha risposto seccamente "sì" a chi gli chiedeva se l'orientamento è del Governo è quello di stabilire l'obbligo vaccinale. Analogamente per quel che riguarda la terza dose, anche se in questo caso si dovrà attendere il via libera dell'Aifa. Relativamente al Green Pass l'annuncio è che quindi ci sarà sicuramente una estensione dell'uso del certificato. Resta da chiarire, ha detto Draghi, "a chi e quanto svelti", ma "lo decideremo nella cabina di regia chiesta anche da Salvini". No-vax e campagna vaccinale: il Premier ha espresso "piena solidarietà a chi è stato vittima di aggressioni nel corso di queste manifestazioni no-vax, no pass. Si tratta di violenza particolarmente odiosa, vigliacca, nei confronti di chi fa informazione e di chi è in prima linea nella lotta alla pandemia". "La campagna procede spedita, verso la fine di settembre sarà vaccinato l'80% della popolazione", ha spiegato, ribadendo comunque l'invito a vaccinarsi. Dichiarazioni importanti sono arrivate poi anche dal ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi. "Se in una classe sono tutti completamente vaccinati - ha affermato - ci si potrà togliere la mascherina, per sorridere tutti insieme. I ragazzi vaccinati aumentano sempre di più, soprattutto tra i 16 e i 19 anni - ha aggiunto -. Siamo arrivati a questa fase lavorando moltissimo puntando sulle persone". Le regole a scuola, ha però precisato il ministro, restano "quelle del Comitato tecnico-scientifico: mascherina, distanziamento e regole di igiene fondamentale". Bianchi ha poi voluto sottolineare che "il primo settembre tutte le nostre 8.500 scuole hanno riaperto con il mandato di portare dal 13 settembre tutti i ragazzi in presenza e in piena sicurezza".

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca