fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

I Carabinieri della Compagnia di Amalfi hanno messo a segno numerosi controlli che hanno portato anche a sequestri penali. Clamorose le violazioni scoperte in una casa di Positano

Corre l’abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana, tanto che sono 15 le persone colte “con le mani nel sacco” e denunciate dai Carabinieri della Compagnia di Amalfi.

Anche clamorosi gli illeciti riscontrati. A Praiano, ad esempio, i militari dell’Arma hanno sequestrato tutta l’area in cui sorge un immobile che si trova poco al di sotto il livello stradale della SS163 Amalfitana, in pieno centro cittadino. I Carabinieri hanno infatti constatato una variazione della destinazione d’uso di un locale originariamente adibito a deposito, ma anche numerose altre irregolarità, tra le quali spiccano la demolizione di una scala esterna, l’apertura di un vano sul prospetto principale e la messa in opera di pavimentazione e relative ringhiere sul prospiciente terrazzo di circa 200mq.
La denuncia, in questo caso, è scattata per il proprietario, l’architetto direttore dei lavori ed il legale rappresentante della ditta che li sta eseguendo.
A Tramonti invece, i militari della locale Stazione hanno interrotto, presso uno stabile che si trova in frazione Pucara, lo sbancamento di roccia che si stava effettuando all’interno di un deposito con l’obiettivo di ottenere un aumento volumetrico di circa 15 metri quadri.
Infine, a Positano, gli uomini dell’Arma hanno deferito in stato di libertà due persone, marito e moglie, per aver realizzato numerosi interventi edili abusivi presso una loro proprietà, tra cui la variazione di destinazione d’uso di un lastricato di circa 25 metri quadri divenuto solarium, la realizzazione di una pensilina esterna nonché numerosi lucernai all’interno rispettivamente della cucina e delle camere da letto dell’abitazione.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca