fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Nove percettori del reddito di cittadinanza per rafforzare la vigilanza davanti ai plessi. Si occuperanno di evitare gli assembramenti. Presto utilizzati anche davanti agli uffici postali
Nel rispetto di quanto previsto dall’ultimo DPCM, anche a Scafati domani, mercoledì 7 aprile, riprenderanno le attività scolastiche in presenza per gli studenti fino alla prima classe della scuola secondaria di primo grado.

Sarà garantito un potenziamento dei servizi di vigilanza e sicurezza in prossimità degli ingressi degli istituti scolastici grazie all’impiego di 9 dei 16 percettori del reddito di cittadinanza i quali, selezionati nell’ambito dei PUC (Progetti Utili alla Collettività) attivati dal Comune di Scafati, garantiranno un supporto agli agenti della Polizia locale anche per i servizi anti-assembramento all’esterno degli uffici postali.
«Anche nella nostra città – dichiara il sindaco Cristoforo Salvati – domani riapriranno le scuole, come previsto dall’ultimo DPCM. In base al decreto legge 4 del 4 aprile, per le scuole fino alla prima media, anche in zona rossa, è infatti prevista la didattica in presenza. Tale norma non è derogabile né dai governatori né dai sindaci, salvi i casi di focolai o di rischi estremamente elevati di diffusione del virus o di sue varianti nella popolazione scolastica. Secondo gli ultimi dati trasmessi dall’Unità di crisi regionale, fortunatamente, nella nostra città è calata sensibilmente la percentuale dei nuovi positivi negli ultimi sette giorni, che risulta anche inferiore rispetto al dato regionale. Una notizia che infonde speranza ed ottimismo, imponendoci allo stesso tempo cautela, attenzione e responsabilità. Ho chiesto al comandante della Polizia locale di intensificare, in ogni modo, le attività di vigilanza davanti alle scuole per evitare assembramenti e garantire ai nostri studenti un rientro in condizioni di massima sicurezza. Utilizzeremo a tal fine 9 dei 16 percettori del reddito di cittadinanza associati alle attività dei Puc (Progetti utili alla collettività), che saranno impiegati per quattro giorni a settimana e forniranno un supporto ai nostri agenti anche per disciplinare l’accesso dei cittadini agli uffici postali, evitando rischi di assembramento. Altri cinque beneficiari del sussidio saranno impegnati in progetti specifici riguardanti i servizi cimiteriali».

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca