fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

L’ormai ex vescovo di Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata de' Goti succede al cardinale Sepe in carica per ben quattordici anni. Il messaggio di benvenuto del sindaco De Magistris

domenico battagliaÈ stato nominato nella giornata di oggi il nuovo pastore dell’arcidiocesi di Napoli. Si tratta di monsignor Domenico Battaglia.

Papa Francesco ha scelto il prelato cinquantasettenne originario di Satriano, in provincia di Catanzaro, come successore del cardinale Crescenzio Sepe, che ha rinunciato alla carica due anni fa per raggiunti limiti di età.
Battaglia, dopo aver svolto gli studi filosofico-teologici presso il seminario “San Pio X” di Catanzaro, è stato ordinato sacerdote il 6 febbraio 1988. Dal 1989 al 1992 è stato rettore del seminario liceale di Catanzaro e della commissione diocesana “Giustizia e pace”; diversi sono poi stati gli incarichi di collaborazione e amministrazione parrocchiale nel catanzarese fino al 1999.
Dal 2000 al 2006 è stato vice presidente della fondazione “Betania” dell'arcidiocesi metropolitana di Catanzaro-Squillace e dal 2006 al 2015 ha ricoperto poi l'incarico di presidente nazionale della “Federazione italiana comunità terapeutiche”. Nel 2016 c’è il primo contatto con la Campania: viene infatti nominato vescovo di Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata dè Goti il 24 giugno mantenendo la carica fino ad oggi.
«Sono molto felice della nomina di don Mimmo Battaglia ad arcivescovo di Napoli- ha detto il sindaco della città partenopea Luigi de Magistris - ho conosciuto personalmente Battaglia quando ero magistrato in Calabria e ne ho sempre apprezzato la sua costante vicinanza ai più fragili e ai più deboli. Uomo semplice ed umile ma dotato di forte carisma e personalità. Credo possa incarnare al meglio il verbo profondo di papa Francesco».   

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca