fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Pin It

Pesanti sanzioni in arrivo per i titolari, che ignoravano le norme antiCovid. I militari hanno scoperto che le strutture funzionavano, alla chetichella, a pieno regime
la sede della tenenza di Cava de' TirreniContinuavano a funzionare incuranti dei divieti antiCovid le due palestre di Cava de’ Tirreni scovate dalla Guardia di Finanza mentre, apparentemente chiuse, permettevano in realtà ai loro iscritti di svolgere tranquillamente attività fisica.

Ora i titolari rischiano, dopo la segnalazione alla prefettura di Salerno, oltre alla multa, una serrata fino a 30 giorni, mentre per 11 clienti pizzicati in tuta e scarpette sono scattate le multe da 400 euro previste.
Ai militari, in normale servizio di perlustrazione, è stata d’aiuto anche la fortuna: nel primo caso, infatti, hanno colto un ragazzo proprio mentre usciva dal locale con borsone al seguito, quando la serranda fino ad un attimo prima era completamente abbassata. Incuriositi, i Finanzieri hanno fatto così ingresso nella palestra, dove hanno trovato altre 3 persone (tra i quali un minorenne) che, sotto la supervisione del personal trainer titolare, svolgevano indisturbati i propri esercizi.
Nel secondo caso, invece, a tradire il proprietario, oltre al leggero sottofondo musicale proveniente dal locale, è stata la luce che filtrava all’esterno. Dopo una rapida ricognizione, è stata individuata l’entrata secondaria sul retro, attraverso la quale i clienti riuscivano ad accedere di nascosto. Dentro la struttura le Fiamme Gialle hanno trovato di ben 7 frequentatori - quasi tutti di giovane età - che, sempre sotto la guida del gestore, utilizzavano gli attrezzi senza nemmeno rispettare le regole di distanziamento.

Pin It

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca