fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dalle indiscrezioni emerse sarebbero sospesi i concorsi, anche quelli già in corso: «Sarebbe l’ennesima “scombinatezza” dell’intesa Stato-Regioni, non chiedeteci più di svuotare il mare col cucchiaino»

manlio torquato 2020 4“Aprono i parrucchieri chiudono i Comuni”. È questo il titolo di un messaggio col quale il sindaco di Nocera Inferiore Manlio Torquato si scaglia contro il nuovo dpcm prossimo a essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

«In attesa della firma del "decreto semaforo" (tre i colori delle fasce di emergenza sanitaria divisi per regione), apprendiamo – scrive il sindaco della città capofila dell’Agro - che mentre, in extremis, si è consentita (giustamente) l'apertura dei parrucchieri, si è prevista la sospensione dei concorsi (prove preselettive e scritte) già in corso. Se la circostanza sarà confermata, sarà l'ennesima "scombinatezza" dell'intesa Stato-Regioni (compresa la nostra). Che senso ha far tenere aperte le scuole per 5 ore ogni giorno, mentre si inibiscono i concorsi dei Comuni i cui luoghi sono garantiti, sanificati, distanziati, sicuri. Nessuno. Che senso ha consentire lo svolgimento del "concorsone" per la Sanità (ed è sacrosanto) con migliaia di partecipanti, ma non quelli per la Polizia Locale o i tecnici di Protezione Civile ad esempio, vitali ai Comuni in questa emergenza? Nessuno. E chi la svolgerà l'attività di controllo nelle nostre città per il rispetto delle norme anti-covid, che il Governo scarica su di noi, se non ci consentono di assumere personale? L'esercito? Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere – osserva amareggiato Torquato - se sarà così, le rassicurazioni ai Comuni del Governo saranno andate a vuoto, quelle della Regione, pure. I Comuni in predissesto (cui al momento non si garantisce neppure la copertura finanziaria sul nuovo anno per il mantenimento dei posti a concorso) , "affonderanno". Ma tutti la vorranno, cotta o cruda, dai sindaci. E l'Anci che dovrebbe tutelare i Comuni che fa? Abbiamo dedicato – conclude il primo cittadino - parte della nostra vita ad impegnarci per le nostre comunità. Ma, ora, dopo quanto sta già accadendo nella sanità non chiedeteci più di svuotare il mare col cucchiaino».

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca