fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Potranno avvalersene entrambi i genitori, alternandosi tra loro. In caso di domanda per usufruire degli stessi giorni, sarà accettata la domanda presentata prima
di Valentina Milite
Arriva il congedo dal lavoro per quarantena scolastica dei figliIn prospettiva dell’avvio dell’anno scolastico e delle problematiche connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per far fronte alle esigenze delle famiglie italiane, il decreto-legge n.111 dell’8 settembre 2020 ha introdotto un nuovo strumento di sostegno ai lavoratori, prevedendo la possibilità per i genitori di usufruire di un congedo dall’attività lavorativa durante il periodo di quarantena dei figli minori conviventi.

In data 2 ottobre l’INPS ha emesso una circolare, la n° 116 (disponibile per completa visione sul suo sito), per comunicare e diffondere le linee guida riguardo il nuovo congedo parentale COVID-19 per quarantena scolastica dei figli di lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato, secondo quanto previsto dal decreto.
Vediamo insieme cosa prevede.
In caso di quarantena scolastica dei figli conviventi (limitatamente però ai minori di 14 anni), i dipendenti, sia pubblici che privati, avranno la possibilità di svolgere l’attività lavorativa in modalità agile (cioè da casa) o di usufruire del congedo COVID-19 (ovvero astensione dal posto di lavoro), secondo richiesta, per l’intera durata della quarantena scolastica dei figli (stabilita in tempi e modalità dall’ASL territorialmente competente per ciascun istituto scolastico) o solamente per una sua parte.
Sarà possibile usufruire del congedo parentale COVID-19 dal 9 settembre al 31 dicembre 2020.
Potranno avvalersene entrambi i genitori, alternandosi tra loro. In caso di domanda per gli stessi giorni, sarà accettata la domanda presentata prima.
Per i giorni di congedo sarà riconosciuta al lavoratore un’indennità pari al 50% della retribuzione.
Per richiedere i congedi, i dipendenti pubblici dovranno presentare domanda tramite le rispettive amministrazioni di appartenenza; mentre i dipendenti privati potranno fare richiesta del congedo esclusivamente per via telematica: autonomamente, accedendo al sito dell’INPS con PIN rilasciato dall’ente, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), carta d’identità elettronica o CNS (Carta Nazionale dei Servizi, ovvero la nuova tessera sanitaria che permette l’accesso ai servizi online della pubblica amministrazione) e facendo quindi richiesta del congedo nell’apposita sezione; oppure richiedendo assistenza gratuita presso tutte le sedi di Patronato ITAL.
Non è possibile usufruire del congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli se uno dei due genitori beneficia già del congedo parentale classico di maternità o paternità per lo stesso figlio minore negli stessi giorni o beneficia di strumenti di sostegno al reddito per disoccupazione, come NASPI o cassa integrazione.
Non è possibile inoltre richiedere il congedo COVID-19 se uno dei due genitori non svolge alcuna attività lavorativa o svolge attività lavorativa in modalità agile ed infine un genitore non può richiedere il congedo COVID-19 nei giorni di pausa contrattuale dell’altro genitore convivente che svolga lavoro part-time o intermittente.
Per ulteriori dubbi o informazioni fare comunque sempre riferimento al testo completo sul sito ufficiale dell’ente.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca