fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Il provvedimento è stato adottato dopo aver riscontrato che pochi passeggeri a Capodichino si sono sottoposti al tampone su base volontaria nei giorni scorsi. Oggi 245 nuovi positivi, con 136 guariti e nessun decesso

di Redazione

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel primo pomeriggio di oggi, ha firmato una nuova ordinanza che prevede una serie di ulteriori misure di prevenzione e sicurezza sanitaria, imponendo l'obbligo del tampone all'aeroporto di Capodichino per chi rientra dall'estero.

Avendo riscontrato che nei giorni scorsi dagli aerei provenienti da Paesi esteri atterrati a Capodichino (in particolare da Parigi, Lione, Barcellona, Francoforte) pochissimi passeggeri su diverse centinaia si sono sottoposti al tampone volontario, la Regione ha previsto l'obbligo a tutti i passeggeri di sottoporsi a test molecolare o antigenico, non più quindi su base volontaria. "È necessario attivare controlli rigorosissimi per chi rientra dall'estero e in particolare dai paesi dove si sta registrando un notevole incremento di casi di positività - ha commentato De Luca -. È indispensabile l'identificazione e l'esecuzione dei test, oltre la raccolta di tutti i dati informativi relativi ai passeggeri provenienti dall'estero. Non dovrà più ripetersi quanto si è verificato nel corso della scorsa settimana". Per coloro che sono impossibilitati ad effettuare il test, è previsto l'obbligo di segnalarsi comunque ai presidi allestiti in aeroporto e di comunicare immediatamente il proprio ingresso nel territorio nazionale. Fino alla comunicazione dell'esito del tampone, è obbligatorio restare in isolamento fiduciario. Dati poco incoraggianti emergono dal bollettino giornaliero dell'Unità di Crisi relativo ai contagi: oggi si contano 245 nuovi positivi, emersi su 5.539 tamponi effettuati. Numeri in linea con quelli degli scorsi giorni. Aumentano però anche i guariti, 136, e non si registrano decessi.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca