fbpx

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Il progetto si pone l’obiettivo di supportare la rete territoriale per la promozione della lettura, coinvolgendo i soggetti che a livello locale possono offrire il loro contributo
nocera inferiore201832Il sindaco Manlio Torquato e l’assessore alle Politiche Giovanili e culturali, Federica Fortino, hanno sottoscritto per il settore socio formativo del Comune di Nocera Inferiore, l’avviso pubblico “Patto per la lettura città di Nocera Inferiore”.

L'evento nazionale promosso da U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) vede presente anche la città capofila dell'Agro. L'intervista all'assessore Federica Fortino
di Valerio D'Amico

Il Diana di Nocera Inferiore ha partecipato ieri sera all’iniziativa “Facciamo luce sul teatro”, promossa dall’associazione U.N.I.T.A, al fine di lanciare un segnale di vicinanza a una categoria messa in ginocchio dalla crisi economica scaturita dalla pandemia Covid.
Un cuore rosso si è acceso al centro del sipario in segno di solidarietà, ma anche di ricordo del compianto Elia Pirollo. Presente alla manifestazione il vicesindaco Federica Fortino che, ai nostri microfoni, si è soffermata anche sulla tematica della scuola e sui lavori di manutenzione allo stadio “San Francesco” che inizieranno a breve.

In un 2021 che vede i festeggiamenti ridimensionati in tutto il mondo per il Martedì Grasso, non mancherà però la tradizione, soprattutto a tavola. E una volta erano le Antesterie
di Valentina Milite
Niente assembramenti quest’anno durante la settimana del Carnevale, per gli italiani e non solo.
Dal coloratissimo Carnevale di Viareggio allo lo storico Carnevale di Venezia, fino al celebre Carnevale di Rio de Janeiro, molte città hanno dovuto riadeguare i propri festeggiamenti, causa pandemia ancora in corso.

In un tempo molto lontano, durante le celebrazioni in onore della patrona di Catania, donne incappucciate mescolavano religione, tradizione e trasgressione
di Maria Barbagallo
Le ‘ntuppatedde, parola che deriva dal siciliano tuppa, che sta ad indicare quella membrana che chiude il guscio di alcune lumache e che si può tradurre con imbacuccate, erano delle figure femminili che accompagnavano la festa di sant’Agata.

Cerca