fbpx
Per la tua pubblicità sul Risorgimento Nocerino

il Nuovo Risorgimento Nocerino

 

Abbiamo scovato a tavola una psicologa e una nutrizionista molto conosciute in città, intente a preparare i loro piani di battaglia per l'autunno. Valentina Di Mauro: «Mai andare a cena con una nutrizionista!»
Si approntano novità importanti a Nocera Inferiore per chi ci tiene a tenersi in forma fisica e mentale anche dopo l'estate. Lo abbiamo scoperto mentre in giro per la città eravamo a caccia di notizie.

Sette appuntamenti al Wellness lab di via Fucilari con due professioniste nocerine che trasmetteranno ai loro pazienti i preziosi segreti del Mindful Eating

Partirà il 23 marzo a Nocera Inferiore, come annunciato dalla nostra testata qualche tempo fa, il primo corso di Mindful Eating. A tenerlo due giovani professioniste del territorio: Assunta Siani, biologa nutrizionista, e Valentina Di Mauro, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.

Appuntamento gratuito per tutti il 2 febbraio con due giovani professioniste nocerine che fanno gruppo per aiutare a perdere peso superando i conflitti psicologici che troppo spesso si associano ad una dieta

Dare ai loro pazienti benessere fisico e mentale nello stesso tempo. È questo lo scopo con cui due giovani professioniste nocerine hanno dato vita ad un sodalizio che aiuterà quanti necessitano di tornare in piena forma fisica senza subire quei traumi psicologici che il doversi abituare ad un’alimentazione diversa troppo spesso produce.

Il nome varia a seconda della regione nella quale si gustano, ma la ricetta è molto simile ovunque. Il loro sapore inconfondibile le rende le regine del Carnevale

di Maria Barbagallo

Chiacchiere, bugie, frappe, frittole, cenci, lattughe, galani, cròstoli: tanti nomi per un unico dolce. Per la sua preparazione bastano pochi e semplici ingredienti, come farina, burro, uova e zucchero e a seconda delle usanze, per aromatizzare, si aggiunge una componente alcoolica a scelta e dopo averle fritte vengono cosparse da un’abbondante spolverata di zucchero a velo.

Si tratta di due elementi fondamentali della tradizione gastronomica italiana. Ma dal mondo medico arrivano sempre più insistenti inviti a limitarne fortemente l'uso

di Valentina Milite

Lo zucchero risulta essere ingrediente indispensabile nella tanto amata pasticceria italiana; il sale risulta però da meno: si rende spesso necessario per conferire sapidità e gusto ad ogni piatto. Lo zucchero raffinato, bianco o "da tavola", composto quasi unicamente da saccarosio, si ricava dalla barbabietola o dalla canna da zucchero.

Sostieni il tuo giornale:
fai una donazione
al Risorgimento Nocerino

Cerca

Statistiche generali

Utenti
180
Articoli
8126
Visite agli articoli
11171249
« Agosto 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31