Il ventiseienne nocerino, proprietario della pizzeria N’do Sbarr, vince il primo premio categoria pizza classica, alla manifestazione che si è tenuta ieri nella capitale

di Valerio D’Amico

Pomodoro San Marzano DOP “a pacchetelle”, tonno, olive di Gaeta e basilico: sono questi gli ingredienti della pizza che ha permesso ad Antonio Sbarra di aggiudicarsi il primo premio alla manifestazione “Ciak che pizza”, categoria pizza classica, che si è tenuta ieri a Roma.

Il ventiseienne pizzaiolo di Nocera Inferiore, proprietario della pizzeria “N’dó Sbarr, migliora sensibilmente l’ottimo risultato ottenuto l’anno scorso alla “Coppa Mediterranea della Pizza”, dove aveva conquistato il gradino più basso del podio. Raggiante di gioia per la vittoria Antonio sa di aver intrapreso la strada giusta ed è pronto a continuare a stupire: «Ringrazio l’Accademia della Pizza e il presidente Carmine Marrazzo per avermi reso partecipe alla manifestazione. Il primo premio mi rende estremamente contento, perché provo a mettere in tutte le pizze che produco la passione per il mio lavoro. Credo che questo debba essere solo un punto di partenza, per migliorarmi giorno dopo giorno. Sono orgoglioso, soprattutto, per aver reso lustro alla mia terra e invito tutti alla mia pizzeria per gustare il prodotto che mi ha portato alla vittoria».